Cosa fare quando si trova un animale selvatico ferito o in difficoltà

Informazioni utili sull’argomento:

Prima di raccogliere un animale, è necessario essere certi che sia effettivamente in difficoltà. L’errore più comune è quello di raccogliere, in primavera o in estate, pulcini di merlo, passero, rapaci notturni credendoli in pericolo. In realtà i pulcini di molte specie di uccelli (tra cui anche corvidi, gabbiani e molti passeriformi) non attendono la maturità per abbandonare il nido.
Essi vengono svezzati fuori dal nido, dove seguendo i genitori possono imparare a riconoscere i pericoli e ad evitarli, ed è piuttosto frequente incontrarli in giro.
Se erroneamente vengono prelevati, possono essere reimmessi nell’arco di 15 m dal luogo di ritrovamento, nascondendoli in una siepe o in un posto riparato. Il reinserimento dovrebbe avvenire prima possibile, in ogni caso nell’arco della stessa giornata.
Invece vanno sempre prelevati da terra rondoni, rondini e affini, poiché questi uccelli escono dal nido solo quando sono autonomi e in grado di volare. I genitori , infatti, non li assistono mai fuori dal nido. In caso di dubbio, prima di prelevare un animale selvatico si consiglia di contattare il Centro Recupero per una consulenza.

tratto da http://www.crfslipuroma.it/animali_feriti/animali_feriti.htm 

Ricorda sempre che un animale selvatico ha diritto di stare nel suo habitat, che è il luogo ideale per vivere, ma anche per morire.
La detenzione di uccelli rapaci, vietata dalla legge, è punita con pesanti sanzioni.
Gran parte degli uccelli selvatici abbandona precocemente il nido (merli, civette, gufi , allocchi, barbagianni…) quando ancora non sa volare bene, e i piccoli continuano ad essere nutriti a terra dai genitori: trovare un nidiaceo che svolazza chiamando i genitori, quindi, non è un segnale d’abbandono. Se non esistono situazioni di reale pericolo, come la presenza di cani e gatti o auto, non raccoglierlo inutilmente!
Anche i cuccioli di gran parte dei mammiferi selvatici non rimangono sempre a contatto con i genitori pur essendo nutriti e seguiti dalla madre (es. capriolo, lepre).
In generale, i nidiacei ed i cuccioli sani devono essere lasciati nel luogo del ritrovamento (senza toccarli ed accarezzarli).
Per gli uccelli: raccoglili se sono molto piccoli (nudi o con poche piume), se sono feriti, o se si tratta di rondoni. Se invece sono più grandi, e non c’è nessun pericolo immediato, riposizionali velocemente nel nido o su un ramo.
Per i mammiferi: solo per sottrarli a morte sicura, spostali in un posto ben nascosto, in luogo limitrofo, senza toccarli con le mani nude, per non lasciare loro addosso un odore estraneo.
I nidiacei ed i cuccioli feriti devono essere ricoverati presso centri specializzati nel più breve tempo possibile. In caso di necessità, in attesa di portare l’animale presso un Centro di Recupero, si può somministrare un poco d’acqua, evitando di alimentarlo forzatamente.

tratto da http://www.legadelcane.org/e-se-si-tratta-di-un-animale-selvatico/

Ricordiamo inoltre che la legge italiana vieta la detenzione di fauna selvatica, anche a scopo benefico di soccorso; dunque non potete prendere i pulli e portarveli a casa per allevarli. I rapaci ritrovati bisognosi di aiuto devono, per legge, essere consegnati alle autorità competenti .

Ecco i numeri utili da contattare:

- Centro Recupero Fauna Selvatica (putroppo in provincia di Frosinone non c’è)  questo è l’elenco completo http://www.recuperoselvatici.it/elenco_principale.htm

- Corpo forestale dello stato al numero unico 1515 oppure la stazione a voi più vicina http://www3.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2353

- Polizia provinciale competente per territorio, ecco i riferimenti di quella di Frosinone http://www.provincia.fr.it/sxshowcontent.aspx?sxl2=18&sxl1=3

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 + tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>